9 Ottobre Ott 2022 1801 one month ago

Mondiale Gravel: Daniel Oss d'argento. Il belga Vermeersch è campione del mondo

Per gli azzurri 2 medaglie in 2 giorni e un'ottima prestazione di squadra. A completare il bilancio di giornata il 7° di Demarchi e il 9° di Ballerini.

Sprintcyclingagency 0643159 1 2000Px

CITTADELLA: Il belga Gianni Vermeersch conquista il primo mondiale gravel della storia che ha visto l’arrivo a Cittadella al termine dei 190 km di gara. Vermeersch ha battuto il nostro Daniel Oss (+ 43”) e l’olandese Mathieu Van der Poel (a 1’28”). L'Italia vede anche il 7° posto di Alessandro Demarchi e il 9° di Davide Ballerini.

Subito le prime parole di Oss, al termine della gara e di Daniele Pontoni, CT.

Era una gara su cui c’era molta curiosità, sentivi di essere da podio? “Il lotto di partenti era qualificato e quindi non era facile gestire la corsa, anche se non eravamo in tanti alla partenza. Inoltre, la condotta di gara non si poteva prevedere, pensavamo sarebbe stato un po’ come un’avventura. Abbiamo sfruttato la situazione, perché ben presto si è frammentato il gruppo, chi era davanti era favorito. E’ nata una fuga a 2, sarebbe stata meglio se fossimo stati in 3 o 4. Si è evoluto tutto in modo strano. Lui (il belga Vermeersch) è stato più forte e bravo nel tecnico”.

Cosa è successo nel finale? “Negli ultimi 10 chilometri, nel single track ho perso metri e poi il gap è cresciuto. Semplicemente avevo dato tutto”.

Una prova tosta: “Ho sofferto tantissimo, al di là della fuga, non è facile gestire una corsa a 300 watt medi, in pratica come una Roubaix. Se ho pensato anche di poter vincere? Un po’ ci ho sperato, a 30 km dalla fine. Volevo anticipare, ma lui aveva una buona gamba”.

“Cosa vuol dire nella mia carriera questo risultato? Sono vecchiotto e non ho grandi aspettative. Ero curioso per l’evento e volevo esserci per capirne le dinamiche. Si apre un nuovo mondo satellite del ciclismo. La specialità non è né strada né mtb, ma una cosa nuova che deve essere capita. Il gravel ha un futuro ed è un modo diverso di pensare la bicicletta, sia a livello industriale che per il resto”.

I ringraziamenti: “Ringrazio la nazionale e la squadra che mi ha lasciato partecipare al Mondiale. Inoltre, grazie ai tecnici Mirko Celestino e Daniele Pontoni per i consigli e la parte tecnica la manifattura Valcismon (Castelli)”.

Raggiante Daniele Pontoni che vede così valorizzato il suo lavoro: “Chiudiamo 2 giornate con 2 medaglie storiche per il settore. Ieri il bronzo di Chiara Teocchi, e un’ottima prova di squadra, a cui si somma l’argento di Daniel Oss. Hanno corso tutti in modo impeccabile, grazie ai ragazzi e allo staff”.

LA CRONACA: Nella start list 140 corridori. Tanti gli allori raggruppati dalla partenza in Campo Marzo a Vicenza, basti pensare ai tre titoli mondiali su strada di Peter Sagan, ai quattro nel ciclocross Elite di Mathieu Van der Poel, ai tre di Zdenek Stibar, al titolo olimpico su strada di Greg Van Avermaet. A fare l'in bocca al lupo ai partenti c'era anche la massima autorità mondiale del ciclismo, il presidente dell'U.C.I. David Lappartient.
Nel programma di gara 194 chilometri, per tre quarti su argini e stradine di campagna.
Dal gruppo, in realtà un lunghissimo serpentone che sembra volare sulla polvere, al chilometro 40 si avvantaggiano Daniel Oss e Gianni Vermeersch, un corridore che suddivide la sua attività fra strada e ciclocross. Li inseguono una cinquantina di corridori, fra loro Van der Poel, Lopez Moreno, Van Avermaet, Lakata, il campione italiano Zoccarato, Stybar, Sagan, Cort-Nielsen, Calmejane, Verona e Ballerini. Lungo i sentieri che risalgono il corso del fiume Brenta il vantaggio di Oss e Veermesch cresce, al primo passaggio a Cittadella è di oltre 5'.
Si entra nel circuito di 27 chilometri da ripetere due volte e il margine dei fuggitivi si stabilizza sui 4'30''. Intanto in zona arrivo un ospite speciale è venuto a dare il suo saluto al primo mondiale Gravel professionisti: è Tadej Pogačar, fresco vincitore del suo secondo Giro di Lombardia.
Al suono della campanella la corsa si infiamma, Van Der Poel, Van Avermaet e De Marchi conducono l'inseguimento, ma ormai la maglia iridata è fuori dalla loro portata. Gianni Vermeersch mette cuore e tecnica nelle sue ultime pedalate, per Oss è il colpo di grazia. Vand der Poel batte Van Avernmaet per il bronzo.
I neo-campione del mondo Vermeersch ha annunciato che sfoggerà la sua nuova maglia iridatavenerdì 14 ottobre alla seconda edizione di Serenissima Gravel, corsa organizzata da PP Sport Events, che avrà partenza nel Parco Delta del Po e arrivo a Piazzola sul Brenta. Con lui ci sarà anche Mathieu Van der Poel.

CLASSIFICA

1° Gianni Vermeersch (Belgio), 194 km in 5'10''41
2° Daniel Oss (Italia) a 44''
3° Mathieu Van der Poel (Olanda) a 1'29''
4° Greg Van Avermaet (Belgio) a 1'30''
5° Yevgeniy Fedorov (Kazakistan) a 1'39''
6° Magnus Cort-Nielsen (Danimarca) a 1'40''
7° Alessandro De Marchi (Italia) a 1'41''
8° Zdenek Stybar (Repubblica Ceca) a 1'47''
9° Davide Ballerini (Italia) 1'54''
10° Andreas Stokbro Nielsen (Danimarca) a 2'43''

Pietro Illarietti