6 Giugno Giu 2023 0926 one year ago

Coppa Italia Trial - Tutti i vincitori di Lazzate

La terza prova della Coppa Italia Trial, fa segnare un record assoluto di partecipanti (quasi settanta), anche se non porta sensibili cambiamenti alle classifiche generali, consolidando i primati dei migliori trialisti nelle rispettive classifiche

  • Podio Allievi
  • Podio Elite 20
  • Podio Elite 26
  • Podio Eso
  • Podio Giovanissimi Bianchi
  • Podio Giovanissimi Verdi
  • Podio Junior
  • Team6

Lazzate (MB) 04/06/2023 - La terza prova della Coppa Italia Trial, fa segnare un record assoluto di partecipanti (quasi settanta), anche se non porta sensibili cambiamenti alle classifiche generali, consolidando i primati dei migliori trialisti nelle rispettive classifiche.

A vincere nella categoria elite 20’ di questa tornata è Simone Titli (TEAM CICLOTECA) davanti a Marco Bonalda (BMT VALSASSINA MAD BROS TEAM) e Diego Crescenzi (ACIDO LATTICO PASSO CORESE ASD) che però mantiene la leadership della classifica grazie anche alla partecipazione a tutte le competizioni fin d’ora disputate.

Nella categoria elite 26 consolida il primato Marco Nardinocchi (MONDOBICI) che si conferma anche in questa gara. Invertite le posizioni di rincalzo dove al secondo posto questa volta si piazza Pietro Maroni (BMT VALSASSINA MAD BROS TEAM) davanti a Diego Bani (CARAVAGGIO OFFROAD)

Convincente la prova dell’allievo Lorenzo Ambrosini (MOTOCLUB LAZZATE ASD SEZ. BIKE TRIAL) che vince nella categoria Junior davanti a Maccianti Mattia (TADDEI FACTORY TEAM) e allo svizzero Pezzatti Zeno (VC TRE VALLI BIASCA)

Molto stretta la lotta nella categoria Allievi dove Patrik Losa (BMT VALSASSINA MAD BROS TEAM) con un’ottima gara la spunta per pochi punti sul compagno di squadra David Magnolio (comunque in testa nella classifica generale) e sul campano Simone della Rocca (TEAM BIKE VESUVIO ASD).

Conferma invece per Bertoldo Davide (ASD ROCK BIKE TEAM) che vince la gara riservata agli esordienti consolidando il primato della classifica su Davide Zonca (BMT VALSASSINA MAD BROS TEAM) e Gioele Romeo (MOTOCLUB LAZZATE ASD SEZ. BIKE TRIAL) entrambi comunque in crescita.

Conferma anche nella categoria master dove Luca Pesenti (ASD TEAM BARROS BIKE) si impone sui due atleti di casa Riccardo Girelli e Renatas Salichovas.

Come sempre numerosissimi e molto agguerriti i giovanissimi divisi sui due percorsi a loro dedicati. Nel percorso verde vince Luca Gamba (BMT VALSASSINA MAD BROS TEAM) mentre su quello bianco vince Mario Alfredini (CRESCENZI TRIAL BIKE). Da segnalare la presenza in questa categoria di due giovanissime nuova trialiste, le sorelle Sangiovanni Emma e Mia che hanno ben figurato concludendo la gara in 8^ e 11^ posizione, anche questa una piccola novità che finalmente apre anche al mondo femminile questa disciplina fin ora rilegata ai soli maschietti.

Le considerazioni tecniche da parte del CT Angelo presente alla manifestazione: "Buon segnale la crescita del numero dei partecipanti ma ancora meglio constatare che è il livello generale dei partecipanti a crescere, sicuramente favorito dalla maggiore combattività nelle diverse categorie. Sono particolarmente soddisfatto proprio da questo aspetto che ormai stà generando un vortice positivo in cui tutti si sentono coinvolti. La maturità raggiunta da alcuni atleti ha permesso loro di affrontare queste prime gare senza farsi influenzare e condizionare dalle condizione dei percorsi, del meteo e delle situazioni di gara. Il sano antagonismo diventa un fattore di crescita sia tecnico che mentale che si legge poi nei punteggi della gara che diventa interessante valutare con i singoli atleti.

Prosegue inoltre l’interessante lavoro impostato con il gruppo di giovani che si stanno preparando per l’appuntamento mondiale. Il giorno successivo alla competizione, utilizzando le zone tracciate per la gara è stato fatto un lavoro di autovalutazione in cui ogni atleta viene accorpato in un gruppo composto da elementi di diverse categorie. Si deve affrontare un percorso che non è definito dalla propria età ma dalla valutazione dei singoli passaggi in base alle proprie capacità tecniche tenendo anche conto del miglior risultato da raggiungere come gruppo. Lavoro a cui la maggior parte dei ragazzi non è abituato ma che risulta essenziale per valutare il proprio livello e lo stato di forma, in un’ottica di pura competizione. Situazione che poi troveremo nell’interessante forma della gara riservata ai team nazionali che sembra sempre più raccogliere l’entusiasmo dei partecipanti e che spero venga presto introdotta anche a livello nazionale."